Crea sito

Chi Siamo


La nostra ASD nasce ufficialmente il 2 febbraio 2010, iscritta al GAS.
Inizialmente fu composta da softgunners con poca esperienza ma con tanta voglia di costruire qualcosa di importante, la spina dorsale che tutt’ora esiste e su cui si appoggia lo spirito di tutti gli iscritti.
Con il passare del tempo, in seguito, ci furono nuovi innesti, alcuni con anni di esperienza e altri volenterosi e pronti a portare dentro al gruppo tutto il loro bagaglio di innovazione ed evoluzione.
Il club, nell’anno 2012, ha raggiunto un numero di 53 iscritti, anche se i membri effettivi sono stati decisamente meno, ma come sappiamo succede anche nelle altre associazioni.
Proprio su questi operatori affidabili il club si appoggia per evolversi a livello di associazione e operatività in campo.
Uno dei punti forti sin dall’inizio, fu avere dei rapporti stretti con altre asd della zona e con il passare del tempo, il rapporto con alcuni club si è consolidato.
Ci teniamo a ringraziare tutti gli amici con cui spesso collaboriamo.
Nell’ultimo periodo inoltre abbiamo ampliato il cerchio, instaurando nuovi rapporti con altri club anche fuori dalla nostra regione.
Questo è stato possibile grazie anche all’allargamento dei nostri orizzonti in termini di sistema di gioco.
Gli Assassin Wolf sono nati giocando con il sistema di marcatura elettronico, ovvero sensori istallati nell’elmetto che quando viene colpito, emette un effetto sonoro.
Questo diminuisce, se non addirittura azzera, casi di highlanderismo durante la sessione di gioco.
Tutt’ora l’asd utilizza questo sistema e può contare su diverse associazioni amiche che ne fanno uso nella provincia di Ancona;  ben sei asd in una zona a pochi chilometri di distanza tra loro.
Negli ultimi tempi la società ha optato per una politica di apertura al sistema classico, ovvero la sagoma piena, senza perdere di vista però la nostra natura e le nostre origini.
Benchè si parli comunque di softair , l’approccio è ben diverso.
Nel sistema ad elmetto sonoro cambia quello che può considerarsi il “target”:
ovvero soltanto colpendo la testa, l'avversario viene eliminato.
Di conseguenza il nostro gruppo negli anni (alcuni di noi, prima di entrare nel club, provenivano dalla sagoma piena, mentre altri giocavano ad elmetto sonoro da prima della nascita dell’associazione), ha sviluppato un metodo, sia tatticamente che tecnicamente, incentrato su determinati obiettivi, con manovre influenzate dal sistema di gioco.
L’entrata della squadra nel mondo della sagoma piena non è stata traumatica, anzi, molte nostre peculiarità ci hanno permesso di trovarci a nostro agio, migliorando quelle che potevano essere le nostre lacune. Ciò è stato possibile grazie alla capacità della squadra di spostarsi da un sistema all’altro, creando un mix tra i due.
Abbiamo e stiamo partecipando ad eventi nazionali, milsim, tornei open ed altro, con tanti progetti per il futuro.
L’obiettivo su cui puntiamo di più è il progresso, guardare sempre avanti, partecipare ad eventi, tornei ed evolverci in termini tattici, senza ritrovarci bloccati o affossati in quelle che possono definirsi “sessioni di gioco monotone e di routine”.
Nell’ultimo periodo stiamo puntando molto sulla tattica, concentrandoci sulla pratica ma anche sulla teoria, con corsi interni, per aggiornare i membri della squadra e avere un unico livello di “istruzione” senza lasciare nessuno indietro.
Anche a livello di attrezzatura ci teniamo sempre al passo, per esempio nel settore dell’orientamento, necessario in quasi tutti i contesti.
Possediamo due Garmin 62s, un Foretrex 401 ecc… e l’obiettivo è far crescere la squadra di cartografi per non avere solo pochi membri a disposizione per guidare il team, anche se avere degli specialisti non è cosa sbagliata.
Se c’è una cosa che il softair dovrebbe insegnare è il gioco di squadra: “il branco prima di tutto”.
Per far sì che questo possa funzionare anche in campo ed essere efficace e risolutivo,è necessario che ogni dote del singolo operatore venga messo a disposizione per formare così un team preparato, che non abbia falle in nessuna caratteristica necessaria per il raggiungimento dei nostri obiettivi, che questi siano situati in campo durante un evento oppure fuori.




Tipologie di gioco:
-Elmetto marcatore (sonoro) ARF
-Sagoma piena

Eventi:
-Tornei open a tappe/percorso obbligato
-Tornei open a navigazione libera
-Eventi a due o piú fazioni
-Milsim
-Recon
-Eventi fino a 24h o superiori